Follow:
bloggers, creativi, GUEST POST & INTERVIEW

Valentina Cavalli – Riciclattoli

Dopo essere stata ospite sul suo blog con un piccolo progetto ricicloso per bimbi, oggi tocca a lei essere ospite sul Pampano. Sto parlando di Valentina Cavalli del blog Riciclattoli, super creativa, originale e simpaticissima. Il mammacheblog è stata l’occasione per incontrarci finalmente di persona, approfittando della trasferta italiana (perché Valentina vive in Germania) per promuovere il suo secondo libro Riciclattoli tutto l’anno.

  Il suo blog e i suoi libri (editi da Electa) sono una grandissima fonte di ispirazione per trovare giochi e passatempi divertenti da mettere in atto con i piccoli di casa, tutti all’insegna del riciclo creativo.

RICICLATTOLI parla di giochi, creazioni, ricette, attività da fare con e per i vostri bambini (vostri in senso lato, potreste essere i nonni, degli educatori, i baby sitter o gli zii per un giorno!). Nasce dal fatto che spesso sento dire e penso io stessa, provandolo sulla mia pelle di mamma: “Ma che gli faccio fare ora al nanetto?”.Nasce dalla voglia di fare insieme, di sporcarsi le mani, di sperimentare e costruire, di comunicare al mio bambino, tramite il fare, le sue potenzialità creative (e magari riattivare le mie!).

Allora vi lascio in compagnia di Valentina che ha accettato di sottoporsi ad una piccola intervista per i lettori del blog. Buona lettura!!!

Chi è Valentina Cavalli? 

Bella domanda, sono grande (per non dire altro) e ancora fatico a definirmi. Sono una mamma expat (anche se la definizione non mi calza a pennello: mi sento più giramondo e a volte solo la pallina di un flipper!), blogger, autrice, disordinata, creativa, romantica ma anche un po’ cinica, curiosa, irrequieta, solare, dispersiva…

Parlaci del tuo blog

Riciclattoli è nato dai miei esperimenti creativi con il mio primo bambino. Ero all’estero, con un bimbo molto piccolo e molto attivo, che andava solo un giorno e mezzo al nido e non sapevo bene cosa fargli fare, senza in giro nonne, amici, aiuti vari… All’estero poi il DIY è molto più diffuso che in Italia, dove negli ultimi anni è diventato di moda, ma qualche anno fa lo era molto meno.
L’idea di base era molto semplice: costruire giochi semplici con quello che avevamo in casa per passare il tempo creativamente, ma anche per educare giocando a modi di vita non troppo consumistici e a un uso consapevole delle risorse.

Il nome del blog è anche il titolo del tuo primo libro, raccontaci come è nato. 

È nato un po’ per caso: avevo in testa un altro progetto editoriale con un’amica, che alla fine non è andato in porto, ma la editor mi ha detto: “scrivimi un progetto incentrato sull’idea del tuo blog”. E così è stato. Ovviamente raccontato in due righe: non è stato né così immediato, né così semplice, ma così è nata l’idea!

I bimbi ti aiutano? 

Da un lato sì, poi crescendo partecipano in maniera sempre più attiva, mi ispirano, fanno richieste precise, hanno idee creative su come riutilizzare scatoloni o bottiglie di plastica, ad esempio, o ribaltano l’idea che avevo in testa da capo a piedi, a volte. Ovviamente se ho scadenze pressanti, o devo far fotografie ho bisogno dei miei spazi, anche se mi capita comunque spesso di farlo con loro attorno, magari mentre tentano di arrampicarsi sul cavalletto per scattare una foto…

Com’è il tuo spazio di lavoro?
Ehm… Guarda mi piacerebbe tanto poter dire di avere uno spazio luminoso, organizzato, ordinato, ma non asettico, che stimoli la creatività e la progettazione. In realtà lavoro in ogni angolo della casa, sul tavolo da pranzo, per terra, sul divano: una grande confusione insomma, un po’ proprio perché con sempre un bimbo attorno non potrei nemmeno chiudermi in uno studio ideale… Ma ci arriverò, forse. Intanto mi son comprata una piccola stampa che idealmente vorrei appendere nel mio spazio di lavoro.

10421905_659845767422933_769105672_ofonte 1fonte 2

E’ appena uscito il tuo ultimo libro, cosa puoi raccontarci?

Riciclattoli tutto l’anno è il fratellino di Riciclattoli, nasce dalla stessa idea di riuso creativo dei materiali che abbiamo in casa, ma è legato alle varie feste e occasioni: da Natale a Pasqua, dai viaggi alle feste di compleanno, da Halloween alla festa dei nonni. In più rispetto al primo le spiegazioni sono davvero illustrate passo a passo da Pucci Zagari, dunque è un libro più corposo e completo in un certo senso.

C’è un progetto di cui vai più fiera?
In generale sono molto autocritica, direi che sono affezionata alla maglia fantasmino che tengo tra le t-shirt di mio figlio e mi sta molto simpatico l’indovina chi? da viaggio (foto).

Difficoltà, aneddoti che hanno accompagnato la realizzazione del secondo libro?
Bè il libro è stato realizzato davvero in pochissimo tempo, e io ero da un paio di mesi in una città totalmente nuova (Monaco di Baviera), quindi la difficoltà maggiore è stata quella di conciliare la vita di mamma con due bambini piccoli (spesso a casa malati) senza nessun aiuto e la necessità di rispettar le scadenze molto serrate.

Progetti che puoi svelarci? 

Mi piacerebbe molto portare i Riciclattoli in giro, con laboratori per bambini ad esempio, insomma promuovere un po’ di più il mio lavoro, che per una timida e nomade come me non è semplicissimo! Spero di riuscirci, anzi se avessi (e aveste) librerie e posti speciali da consigliarmi ve ne sarei grata! Per il resto sì, come sempre, ho tante idee e nuovi progetti per la testa, e spero di riuscire a realizzarli.
In tedesco si dice die daumen drücken (letteralmente schiacciare i pollici), ovvero incrociamo le dita, che è poi l’augurio che faccio a tutti voi!
Ringrazio ancora moltissimo Valentina per la disponibilità e simpatia. Ovviamente non potete perdervi il suo blog Riciclattoli e i suoi due libri Riciclattoli e Riciclattoli tutto l’anno!

 

Share:
Previous Post Next Post

Potrebbero piacerti anche questi post

16 Comments

  • Reply Serena Scuderi

    La adoro e basta! 🙂

    4 giugno 2014 at
  • Reply simona

    Anche noi!! 😉

    4 giugno 2014 at
  • Reply Isabo

    Grazie per avercela fatta conoscere meglio!

    4 giugno 2014 at
  • Reply Shaula

    hip hip urrà per la Vale! 😉

    4 giugno 2014 at
  • Reply akari

    ma perché io non l'ho vista al mammacheblog????? buuuu

    4 giugno 2014 at
    • Reply simona

      come no!!!!!! 0__O

      4 giugno 2014 at
    • Reply miss suisse

      sarà perché per timidezza me ne stavo in un angolino e, non secondario, perché sono una frana a promuovere il mio libro!? 😉

      4 giugno 2014 at
  • Reply Rita Bellati

    I'm a Fan!!!!! Brava VALE!!!!!!!!!!

    4 giugno 2014 at
  • Reply Katia Artoleria

    Ah che bello!! Riciclattoli anche per me!!! 😀 Brava Valentina!!

    4 giugno 2014 at
  • Reply Ambaradan Mamy

    Brava Valeee!!

    4 giugno 2014 at
  • Reply miss suisse

    grazie a tutteeeee, soprattutto a Simona per l'ospitalità: io commossa!! <3

    4 giugno 2014 at
    • Reply simona

      Ti meriti tutti i complimenti!!! E' stato un vero piacere ospitarti!!! <3

      4 giugno 2014 at

    Leave a Reply