Follow:
home tour, INTERIOR & HOME DECOR

HOME TOUR IN UNA EX FABBRICA

 

Purtroppo siamo ancora in città e le vacanze sono saltate a causa dell’infortunio di papàGI. Complice una giornata davvero strana e persino freddina, sono davanti al computer a pensare già all’autunno. Sarà che negli ultimi anni è la stagione più produttiva per il blog, sta di fatto che da ieri sera sono al lavoro per programmare i nuovi post e i lavori che devo fare in casa. Ettore dice che non ho mai tregua, ha ragione, ma ogni tanto sento proprio l’esigenza di cambiare, spostare, ridipingere e così via.  Intanto sono in attesa delle sedie nuove per la sala da pranzo, il mio regalo per il compleanno e sono davvero elettrizzata. Vorrei solo riuscire a convincere l’uomo di casa a spostare il pianoforte nella zona pranzo per fare spazio ad un nuovo mobile. Riviste e libri si accumulano e nello studio inizia a scarseggiare lo spazio!

Cercando un po’ di idee per questo nuovo progetto ho trovato la mia casa dei sogni, una vecchia fabbrica – in Germania – completamente rinnovata. Ha una buona dose dei particolari che amo nelle case e che cerco di inserire in casaGI. Siete pronti per questo home tour?

L’ambiente che adoro è la veranda, quanto vorrei averne una così. Mi accontento del tavolo fai da te (proprio come quello che ho costruito qualche mese fa)  e delle lucine che devo assolutamente comprarmi. Ormai è quesitone di vita o di morte, anche se ancora non so dove le metterò. Ma che importa!

Altra meraviglia la vetrata che divide la zona living dalla cucina (che tra l’altro ha un meraviglioso banco da falegname – lo stesso che ho visto oggi un negozio di Novara… che sia un segno del destino?).

Un esempio di ambientazione industriale in cui si fondono tutti gli elementi che amo dell’arredo. Colori neutri, i contrasti del bianco e del nero, arredi vintage, industriali e nordici mixati con sapienza. Adoro questa casa!

Photos : Petra Reger – Wertvoll

Share:
Previous Post Next Post

Potrebbero piacerti anche questi post

No Comments

Leave a Reply